giovedì 9 febbraio 2017

Un viaggio nei vestiti delle favole: Biancaneve, la mela e lo specchio

Buon giorno a tutti quanti!
Come state miei bravissimi cosplayer (e non)??

Quanti di voi hanno letto la storia "Biancaneve, la mela e lo specchio" che ho pubblicato la settimana scorsa? Se non lo avete ancora fatto, correte subito qua a rimediare!
Fatto? Vi siete messi in pari?

Bene, allora posso iniziare a raccontarvi di questo progetto!
Inizialmente volevo riprendere semplicemente in mano il progetto del 2015 delle fiabe. Per chi non se lo ricorda, o per chi se lo fosse perso, era la rivisitazione (circa) in chiave moderna di alcune fiabe classiche (Cappuccetto Rosso, La Bella e la Bestia, Alice nel Pese delle Meraviglie e La Bella Addormentata); per motivi di tempo, di soldi e di famiglia, ho dovuto lasciar naufragare il progetto dopo solo quattro capitoli, ma nella mia testa è sempre stato un piccolo chiodo fisso quello di riprenderlo in mano e continuarlo. Così con l'anno nuovo ho deciso di ricominciare, ma aggiungendo qualcosa in più: infatti con Biancaneve, oltre a disegnare l'abito e a fare le foto, ho voluto aggiungere anche la storia, riscritta da me.

Ma parliamo di cartamodelli.
Questo abito non è nulla di stratosferico, anzi il disegno in se è abbastanza semplice.
Il corpino semplice, senza riprese, con un'ambia scollatura, ed elastico sotto al seno (coperto poi dal nastro rosso) e maniche lunghe, che arricciate sul polsino.
Qua sotto vi metto i disegni dei cartamodelli che ho usato, per farvi capire meglio.

Per arricchire l'abito, ho preferito giocare con la gonna: infatti c'è una gonna a mezza ruota "di base", tagliata dallo stesso tessuto del corpino, e sopra c'è una gonna in (quella che all'inizio doveva essere) organza, sempre di fatto a mezza ruota, ma con lo strascico enorme, lungo quasi 3 metri. La gonna sopra (quella con lo strascico per intenderci), non l'ho voluta chiudere appositamente, rimane così aperta sul davanti facendo vedere la gonna di base sotto.

Il tutto è arricchito da un bellissimo nastro di raso rosso alto 4 cm e lungo 5 metri (Sì, con nastri e strascichi io esagero sempre).

Passiamo a parlare dei tessuti, comprati su internet, da tessuti.com.
Ho ordinato:
  • "Classic Polly 12" per il vestito base. Devo dire che avevo moltissima paura fosse troppo trasparente, ma per fortuna mi sono ricreduta. E' morbido e leggero al punto giusto.
  • "Organza 2" per lo strascico. Ma qua ahi....non ho potuto usarla purtroppo, perché messa a confronto con la base risultava veramente troppo giallina ed era un vero e proprio pugno in un occhio (è il rischio di quando si ordina su internet purtroppo, stoffe diverse che devono avere lo stesso colore).
Così per lo strascico ho dovuto usare una tenda bianca (che per pura fortuna era dello stesso identico bianco) che era nel cassetto delle stoffe ormai da anni, mai utilizzata poverina.
Ah, il mio amore per le tende e il loro uso improprio...

Mi sarebbe piaciuto molto di più se lo strascico fosse stato trasparente, effetto che l'organza mi avrebbe sicuramente dato, ma pazienza, non si può sempre aver tutto quanto.

Ho fatto anche un'altra aggiunta a livello di tessuti, anche se non si nota e non si deve notare dalle foto. Infatti l'intero abito e stato foderato di cotone in felpa, così che la modella non patisse il freddo. Non è vero, ne ha patito tantissimo comunque.



Cosa ne pensate? Vi piace?
Spero di fare qualche altra favola più avanti! Ne avete qualcuna da consigliarmi??

Nessun commento:

Posta un commento